Squadra
Partite
Giocatori
Foto
Citt : Genova

L'Unione Calcio Sampdoria, nota anche come Sampdoria o, più semplicemente, Samp, è una società calcistica italiana di Genova, nata il 12 agosto 1946[3] dalla fusione tra la Sampierdarenese (1899) e l'Andrea Doria (1900). La squadra milita nella Serie A del campionato italiano di calcio. La sede della società è situata nel grattacielo di Corte Lambruschini, la squadra si allena al Centro Sportivo Gloriano Mugnaini aBogliasco e gioca le sue partite interne allo stadio Luigi Ferraris di Genova. Fa parte dell'European Club Association. Nel 2009 è nato un canale tematico televisivo chiamato Samp TV, dedicato interamente alla società blucerchiata, visibile gratuitamente sul digitale terrestre sui canali 681 in Liguria e 611 in Piemonte.[4]

Nei suoi 68 anni di attività la Sampdoria ha disputato 57 campionati di Serie A e 11 di Serie B, conquistando uno Scudetto nel 1990-91, quattro Coppe Italia nel 1984-85, nel 1987-88, nel 1988-89 e nel 1993-94, unaCoppa delle Coppe nel 1989-90, una Supercoppa italiana nel 1991 e un campionato di Serie B nel 1966-1967. Fra le finali, ve ne sono tre di Coppa Italia, nel 1985-86, nel 1990-91 e nel 2008-09; una di Coppa delle Coppe nel 1988-89 e una di Coppa dei Campioni nel 1991-92 (perse ambedue contro il Barcellona), una Supercoppa UEFA nel 1990 e tre finali di Supercoppa italiana nel 1988, 1989 e 1994.

Quattro sono state le retrocessioni in Serie B della squadra, tutte avvenute in anni con numeri finali gemelli (1966, 1977, 1999 e 2011). Una di queste ha corrisposto al cambio di guida societaria: nel 1979, con la cessione da Glauco Lolli Ghetti a Paolo Mantovani. Mantovani, in quindici anni, portò la Sampdoria dalla Serie B ai vertici del calcio italiano ed europeo. La presidenza Mantovani terminò nel 2002, quando l'eredeEnrico cedette la società a Riccardo Garrone. Dal 2013, Edoardo Garrone, dopo la scomparsa del padre, diventa ufficialmente il nuovo presidente della società[5]. Il 12 giugno 2014, Garrone ha ceduto le sue quote di maggioranza della società al produttore cinematografico Massimo Ferrero[6], che assume la carica di Presidente.[7]